giovedì 3 novembre 2016

Via Roma: la Crisi, i Marciapiedi Rotti e i Militari.

Riceviamo e pubblichiamo un interessante punto di vista:



In questi giorni si parla molto della reazione dei commercianti di via Roma all'introduzione della ZTL nel centro storico. Sono in tanti a mettere in dubbio che siano i pass a mettere in difficolta' il commercio nella via Roma, che ricordiamo essere la via del XX secolo, creata per ridurre l'isolamento della citta' storica di Palermo.

Ammetto di essere di parte: la mia famiglia infatti fu una delle prime ad aprire un esercizio commerciale a fine '800 nella nuova via. Tuttavia vorrei dare un'interpretazione diversa dell'attuale crisi della via Roma e fare delle proposte per affrontarla.

Parto da alcuni punti che ritengo essere certi. Primo: in via Roma ci sono piu' di 70 vetrine senza attivita'; secondo: il centro storico attualmente non e' molto vivibile; terzo: sulla manutenzione ordinaria di strade e marciapiedi il comune e' inadempiente.

Relativamente ai negozi chiusi siamo a circa 70 e la crisi della via e' cominciata gia' nel 2010. Quest'estate i commercianti avevano registrato dei segnali di ripresa, per la prima volta in 5 anni. Con la ZTL e la contestuale riduzione del passaggio di persone questa ripresa si e' arrestata.

Passando al secondo punto: il centro storico attualmente e' poco vivibile e questo porta molte persone a non considerare la possibilita' di risiedervi stabilmente con conseguenze negative per i commercianti locali. In particolare e' il caos notturno tra le cause piu' importanti della poca vivibilita'. L'unica strada non ancora percorsa per riportare la calma di notte e' fare ausilio all'esercito. A Palermo ci sono moltissime caserme: facciamoci aiutare dai militari.

L'ultimo punto riguarda la manutenzione ordinaria, molto deficitaria e che rende la via Roma e gran parte del centro storico un pericoloso percorso ad ostacoli. Il comune ha personale in abbondanza e puo' attingere anche agli operai della Reset. Faccia un serio intervento di manutenzione ordinaria a partire dai marciapiedi divelti da anni.

Massimiliano Guttadauro

1 commento:

  1. Concordo pienamente. Il centro storico va rilanciato;bisogna incentivare i palermitani e non, soprattutto i giovani a ritornare a viverci per rivitalizzarlo anche economicamente: incentivi all'acquisto e ristrutturazioni, riduzione tasse comunali, servizi, incentivi alla realizzazione di parcheggi pertinenziali e multipiano.arredo urbano, maggiore vigilanza , arredo urbano, potenziamento mezzi pubblici e tanto altro.

    RispondiElimina