martedì 6 settembre 2016

Dov'è l'Art Bonus in Sicilia?


La legge dello Stato prevede che i donati possano donare del denaro a enti pubblici e fondazioni per il sostegno o restauro di opere d'arte, monumenti (e altro) e teatri lirici.

I privati donano e in cambio ricevono forti sgravi fiscali che rendono l'atto di mecenatismo molto più digeribile.

In Italia alcuni enti hanno avviato campagne registrando grandi successi. E' il caso del Teatro Alla Scala di Milano che ha ricevuto più di venti milioni di euro per il suo sostentamento. Altri teatri in Lombardia hanno ricevuto somme minori ma comunque notevoli e superiori al milione. Sul fronte dei restauri le cifre si abbassano notevolmente. Ma ci sono. E alcuni enti promuovono i propri restari ricevendo decine di migliaia di euro da privati.

Nel Lazio il percorso il divario è ridotto. Il Teatro dell'Opera di Roma ha ricevuto più di due milioni di euro. Alcuni enti, piuttosto, hanno ricevuto centinaia di migliaia di euro per alcuni restauri.




E in Sicilia?

In Sicilia non abbiamo mai sentito parlare di art bonus.. Tuttavia qualcosa c'è. Se Milazzo (Milazzo!) presenta ben 7 progetti di restauro, Palermo non ne indica nemmeno uno.

Unico ente presente a Palermo è il Teatro Massimo che ha ricevuto venti mila euro con ultimo aggiornamento del marzo u.s. Non ci sono altri enti come il Biondo o il Politeama che hanno conosciuto e conoscono momenti di crisi finanziaria.

Adesso. Non sarebbe il caso di provare anche questa strada? Dando un minimo di comunicazione e invitando anche le aziende a donare? Forse arriveranno grandi provviste di denaro, forse pochi spiccioli, forse nulla ma almeno -almeno- si potrà dire di averci provato...


Nessun commento:

Posta un commento