giovedì 31 dicembre 2015

Sull'Ipotetico Scempio del Giardino del Villino Florio

Assistiamo sbigottiti ad una grossa polemica che rimbalza in queste ore su facebook in merito al presunto recente scempio del giardino del Villino Florio.. La polemica nasce dal fatto che la risistemazione filologica del giardino abbia previsto un forte ridimensionamento del verde e la realizzazione di un ampio battuto di sabbia..

La cosa che ci lascia sgomenti è che invece di parlare dell'ulteriore restauro del Villino e invece di salutare positivamente l'evento e il recupero si cerchino dei motivi, incomprensibili a parere di chi scrive, per criticare il recente operato degli uffici.

Premettiamo che chi scrive non è un dipendente della pubblica amministrazione e non ha rapporti familiari o amicali con i dipendenti della soprintendenza di Palermo. 

Detto questo, si sono sollevate tante, troppe voci in merito allo scempio del Villino e alla distruzione del verde, gli agrumeti, le essenze, ecc. ecc. 

Ma quali? 

Di seguito alcune foto d'epoca del Villino e del contesto (sono foto prese con una banale ricerca su google). La tanto vituperata 'sabbia' sembra esserci sempre stata, il rigoglioso giardino non sembra poi così florido, e lo stesso prato all'inglese sembra essere stato sempre presente.. La risistemazione filologica quindi c'è stata ed è stata fatta bene.







Potremmo sbagliarci ma le foto sembrano parlare chiaro. Se di vero scempio di vuole parlare questo sì c'è stato. Ma tanti anni fa, con l'inurbamento dell'area e il soffocamento da parte di nuovi edifici (queste foto successive, queste sì, 'fanno male'). Pochi giorni fa si è invece conclusa la sistemazione filologica del giardino e l'attività sembra essere stata attenta rispetto alle foto precedenti. Ma soprattutto si sono restaurati molti elementi interni del Villino ma questo sembra essere diventato un aspetto secondario e trascurabile.






Da ultimo, e questo è il reale senso di questo post, non capiamo come e perché ci si debba rivolgere continuamente in maniera estremamente critica nei confronti di ciò che dovrebbe essere salutato in maniera positiva. Non è questo il metodo per affrontare il rinnovamento e l'emancipazione della città da un passato più che grigio. Sembra quasi che ciò che si faccia di positivo debba essere necessariamente interpretato secondo presunti lati negativi attraverso un atteggiamento demolitorio che, a nostro parere, è il metodo più inopportuno per guardare al futuro. E tutto ciò, oggi più di ieri, è davvero incomprensibile.

13 commenti:

  1. me lo ricordo da piccolo, molto rigoglioso, un luogo misterioso. devono aver sfoltito un bel po'. quali sono gli orari di apertura?

    RispondiElimina
  2. /Users/calvacla96/Desktop/IMG_8887.JPG
    diciamo che qualche taglio c'è stato..

    RispondiElimina
  3. /Users/calvacla96/Desktop/IMG_8887.JPG
    diciamo che qualche taglio c'è stato...

    RispondiElimina
  4. Punteruolo purtroppo non sappiamo ancora nulla in merito agli orari di apertura

    RispondiElimina
  5. Claudio può anche essere (purtroppo non si vedono le tue foto) ma credo rientri nel progetto di ripristino filologico. Insomma.. nulla di strano.

    RispondiElimina
  6. Se si parla di foto d'epoca o di pochi anni dopo la costruzione, non c'è da stupirsi che il giardino non fosse rigoglioso come ai giorni nostri... magari le piante hanno bisogno di tempo per crescere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche quelle di adesso hanno bisogno di crescere

      Elimina
  7. Giusta osservazione ma le piante tagliate non sembrano proprio esserci (nelle foto) e comunque non sembrano centenarie come dovrebbero essere.

    RispondiElimina
  8. http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/01/05/palermo-dopo-10-anni-ristrutturato-giardino-del-villino-florio-ripristino-filologico-no-aiuole-desertificate/2348623/2/#foto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vi piace fare ricorso a giornaletti scandalistici.vergogna

      Elimina
  9. http://it.tinypic.com/r/2ykb782/9 vedi se adesso si vede

    RispondiElimina
  10. Sì Claudio le foto si vedono. Il taglio c'è stato ma, come dicevamo, rientra tutto nell'ambito del progetto di ripristino. Il risultato finale è più che gradevole e da maggiore risalto al villino. E' un nostra opinione, sincera.

    RispondiElimina
  11. Gli alberi e la vegetazione di solito nascondono la bellezza del manufatto architettonico.
    Alcuni fra l'altro sono stati piantati pochi decine di anni fa e quindi niente hanno a che fare con la sistemazione originaria.
    Il problema è che a palermo (in Italia in genere) appena tocchi un albero tutti gridano allo scandalo.
    Gli alberi e la vegetazione ricrescono il manufatto architettonico no!

    RispondiElimina

ads