sabato 14 gennaio 2012

NO TAV

Da un po' di tempo in via Maqueda sono comparse numerose scritte NO TAV.. a parte il fatto che scrivere sui muri è secondo me -sempre e comunque- un gesto da imbecilli (io andrei a scrivere sulla pareti del salotto di casa degli autori per capire cosa ne pensano). Ma poi che senso ha scrivere NO TAV.. a Palermo?? Se ne discute al nord e qui non decide nessuno.. quindi NO TAV per chi?? O forse si tratta di una intuitiva e amara costatazione della realtà siciliana e del suo futuro nei trasporti..

5 commenti:

  1. e vabbé, dietro la Tav ci sono ragioni che interessano l'inera nazione, a cominciare dai soldi che servono per fare finta di farla, quelli sono soldi anche palermitani.

    RispondiElimina
  2. Saresti così accomodante se qualcuno scrivesse NO TAV sulla tua auto o sulle pareti del salotto di casa tua??? Dopotutto “ sono soldi anche palermitani (sic)” Personalmente credo non diresti “vabbè”!
    Il problema sta a monte: non c’è rispetto per la città perché in molti non la sentono propria!
    In ogni caso la cosa che più infastidisce è il “dove” compaiono queste scritte, vengono sempre presi di mira palazzi monumentali e strade storiche, ma a me non viene da dire “vabbè”

    RispondiElimina
  3. Salvo non intendevo giustificare le scritte sui muri, ne ho solo analizzato il contenuto, visto che nel post ci si interroga sull'accostamento Tav-Palermo.

    RispondiElimina
  4. Sì,siamo d’accordo, ma se vai al nord nessuno (men che meno sui monumenti) scrive NO PONTE che sarebbe il corrispettivo!
    Ad ogni modo mi domando se questo soggetto (visto che ha la questione tanto a cuore) sia anche andato in Val di Susa a prendere qualche manganellata prima di sporcare le facciate di via Maqueda, altrimenti il suo rimarrebbe un gesto troppo comodo e privo di contenuto!!
    Sia chiaro in quello che scrivo non c’è nulla di politico, non mi schiero né da una parte né dall’altra, sono solo un cittadino infastidito da questa indecenza!
    Esistono moltissimi modi civili e “puliti” per poter manifestare il proprio punto di vista e i propri disagi; nascondere la propria insipienza dietro una scritta anonima e danneggiare un contesto storico-monumentale (perché di questo si tratta) palesa soltanto una profonda ignoranza e debolezza.

    RispondiElimina
  5. Volevano scrive non taverne, contro gli ubriaconi. Ma non c'entrava.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...