martedì 6 dicembre 2011

Il Restauro Conservativo della Chiesa di San Giuseppe dei Teatini ai Quattro Canti

(San Giuseppe dei Teatini da Flickr)

La presentazione del cantiere di restauro avverrà mercoledì 7 dicembre alle ore 12.

Sono saliti i ponteggi nella chiesa di San Giuseppe dei Teatini, la maestosa fabbrica barocca che incornicia uno dei quattro canti di piazza Vigliena a Palermo.
Un intervento di restauro necessario per frenare le infiltrazioni di acqua dalle coperture, che stanno danneggiando parte dell'apparato decorativo dell'edificio. Il distacco della superficie pittorica, delle dorature e degli stucchi è apprezzabile soprattuto in corrispondenza dell'imposta della volta della navata centrale e nell'abside, dove il bianco delle efflorescenze saline segna, come una corposa macchia, il profluvio di oro e stucchi.
Il restauro, finanziato per 600mila euro dal Ministero dell'Interno, con fondi provenienti dall'8 per mille, è stato progettato dall'arch. Giovanni Di Fisco della Mediterranea Engineering. L'attuazione dell'intervento è curata dalla Soprintendenza dei Beni Culturali di Palermo, con la direzione dei lavori dell'arch. Lina Bellanca; l'impresa vincitrice dell'appalto è la Edil2000 di Vincenzo Venezia.

"Si tratta di lavori di manutenzione straordinaria che hanno lo scopo di arginare i rischi e i danni causati dal malfunzionamento del sistema di raccolta e allontanamento delle acque piovane -spiega il progettista Giovanni Di Fisco-. Si procederà prima al risanamento delle superfici esterne colmando e impermeabilizzando le fessure presenti nei tetti delle navate laterali, delle cupolette e delle lanterne. Poi si passerà alla desalinizzazione e all'integrazione del film pittorico e delle dorature".

"Ci preme sottolineare la fruttuosa collaborazione con il Fec (Fondo Edifici Culto del Ministero dell'Interno), ente proprietario della chiesa, che nell'ultimo anno ci ha permesso di accelerare numerosi restauri: come quello di Sant'Anna, di San Domenico, Santa Caterina, e ancora la torre di Palazzo Marchesi e della chiesa della Gancia che, a breve, previa il dissequestro dell'immobile da parte della magistratura, sarà riaperta al pubblico", dice Lina Bellanca, direttore dei lavori per la Soprintendenza ai Beni Culturali di Palermo.

Non è prevista alcuna chiusura della chiesa dei Teatini. I lavori saranno portati a termine salvaguardando la regolare attività liturgica della parrocchia che, ad ogni modo, può contare sugli spazi della chiesa inferiore: il Santuario della Madonna della Provvidenza, grande tanto quanto la chiesa superiore, e famosa per la sorgente di acqua miracolosa che custodisce all'interno. Uno spazio poco noto che verrà aperto in occasione delle feste natalizie.

Uffcio stampa Mediterranea Engineering

1 commento:

  1. certamente è un colpo d'occhio non indifferente: http://www.gds.it/gds/multimedia/arte-foto/gdsid/181130/

    RispondiElimina