domenica 8 maggio 2011

Al Via il Piano di Manutenzione Straordinaria e Opere Pubbliche in Centro Storico da 30 Milioni di Euro

E’ entrato nella fase esecutiva il piano di manutenzioni straordinarie e opere pubbliche in centro storico predisposto dall’Assessore Carta in accordo con il Sindaco: un piano da 30 milioni di euro per la qualità della vita redatto dagli uffici diretti dall’Arch. Di Bartolomeo e capace di fungere da stimolo alle imprese e da impulso al mercato del lavoro.

Gli interventi sono mirati al restauro degli edifici monumentali, al recupero del tessuto edilizio, sia pubblico che privato, alla messa in sicurezza degli edifici e soprattutto alla riqualificazione degli spazi pubblici come contributo attivo all’innalzamento del benessere e alla qualità della vita degli abitanti e dei fruitori del centro storico.

I primi interventi per i quali si stanno aggiudicando gli appalti riguardano:

- il recupero e la riqualificazione di piazza Marina, piazza Bologni e piazza della Vittoria, compreso il restauro del monumento di Filippo V e la cancellata di Villa Garibaldi, finalizzata alla loro pedonalizzazione (7.682.000 €, lavori già aggiudicati e i procinto di partire);

- il recupero del Palchetto della Musica di piazza Castelnuovo e il restauro delle statue di Ruggero Settimo e Carlo Cottone (42.400 €, bando emanato);

- appalti aperti per la manutenzione degli edifici comunali destinati a residenza, uffici e interventi di pronto intervento per la messa in sicurezza (1.500.000 €, bandi in corso di emanazione);

- appalto aperto per interventi in sostituzione dei privati inadempienti per la messa in sicurezza degli edifici (500.000 €, in fase di aggiudicazione);

- opere di urbanizzazione e arredo urbano in piazzetta Brunaccini (590.000 €);

- interventi di manutenzione degli spazi aperti (200.000 €, in corso di realizzazione);

- interventi di manutenzione straordinaria e arredo urbano in piazza Sant’Onofrio (1.340.000 €, in fase di progettazione esecutiva)

Si tratta di un importante programma di manutenzioni per la qualità dello spazio pubblico e per la vivibilità del centro storico o per la dotazione di servizi concentrati in aree dove si è già avviata la riqualificazione edilizia o in aree dove servano da stimolo. Un piano capace di generare effetti economici per quasi il triplo del suo costo.



Agli interventi in avvio di realizzazione si aggiungeranno presto i seguenti lavori, per cui sono già disponibili le risorse finanziarie:

interventi su beni immobili di proprietà comunale di interesse monumentale, tra cui sono compresi l’ex convento di S. Francesco d'Assisi (2.500.000 €), il Collegio della Sapienza per usi sociali e ridurre il disagio abitativo (3.300.000 €) e le scale delle Logge del Teatro Massimo (3.000.000 €).
interventi urgenti di manutenzione straordinaria degli spazi aperti (500.000 €) e delle reti tecnologiche di sottosuolo (1.100.000 €) e per la pubblica illuminazione (700.000 €).
completamento di interventi su immobili di proprietà comunale e spazi aperti e/o adeguamenti di impianti e reti tecnologiche di sottosuolo: via Alloro (1.600.000 €), Vucciria (1.600.000 €), edifici monumentali (1.500.000 €), completamento di interventi di edilizia residenziale pubblica (500.000 €), aree pubbliche delle Mura di Santa Teresa (800.000 €).

La strategia di rilancio della riqualificazione del centro storico è integrata con lo stimolo all’iniziativa privata, per la quale si è proceduto allo scorrimento della graduatoria degli interventi ammessi al VI Bando (circa 15 interventi per 4.000.000 €), alla proroga dei tempi per il completamento di una dozzina di interventi per cui erano stati erogati i contributi.

Infine verrà emanato a breve un bando da 6 milioni di euro destinato a contributi ai privati che agevolerà il recupero di immobili residenziali monumentali o fortemente degradati e pericolanti segnalati nella Mappa del Rischio.

“Non è solo un elenco di opere pubbliche – dichiara l’Assessore Carta – ma una vera e propria strategia di riqualificazione e sviluppo della città a partire dal suo Centro Storico. Si tratta infatti di un piano straordinario di interventi di grande importanza perché concentra la sua azione sia sulle manutenzioni e opere pubbliche mirate al benessere degli abitanti del centro storico sia sullo stimolo all'iniziativa privata, soprattutto dedicata all'edilizia pericolante.”

Palermo, 27 aprile 2011

Nessun commento:

Posta un commento