sabato 18 dicembre 2010

A Termini Imerese Presentato il Progetto del Parco Termale

Ricevo e pubblico:

Mentre la trattativa per la riconversione dello stabilimento Fiat di Termini Imerese si prepara all’incontro del 21 dicembre -tra azienda, parti sociali e istituzioni, presso il Ministero per lo Sviluppo Economico- l’amministrazione comunale di Termini traccia nuove linee per il futuro della città. “Vogliamo agire su doppio binario -dice sindaco Salvatore Burrafato- Ci prepariamo da un lato all’incontro del 21, pronti a valutare attentamente le sette proposte dei candidati che vorrebbero prendere il posto della Fiat; dall‘altro io e la Giunta stiamo mettendo in campo nuovi progetti per cambiar rotta, per creare un’alternativa valida al profilo industriale che ha finora qualificato Termini, orientandoci verso un turismo di nicchia che possa riscoprire la risorsa termale”.

Il piano dell’amministrazione prevede la valorizzazione dei Beni Culturali -come il Parco Archeologico di Himera, il Museo Civico e Archeologico, la Biblioteca Liciniana, il sistema di chiese quattrocentesche- e il potenziamento di eventi come il Carnevale o l’Estate Termitana che solo quest‘anno ha totalizzato 40 mila spettatori.

Ma punta soprattutto alla realizzazione del ‘Parco Termale Imerese‘, un progetto di riqualificazione urbana che interessa 12mila mq di superficie per un costo di 31.300.000 euro, di cui 20 milioni 300 mila euro a investimenti pubblici e 11 a investimenti privati.

Il progetto prevede:

-la riqualificazione del Grande Albergo delle Terme, di proprietà comunale e gestito dalla Igar, per un investimento previsto di 2.800.000 euro. Un progetto già inserito nel PIST, Piano Integrato di Sviluppo Territoriale, denominato Pist Madonie Termini, in attesa di finanziamento regionale;

- Nuovi impianti termali aperti al pubblico, da realizzare nell’area pianeggiante adiacente al Grande Albergo delle Terme, per un investimento di 3.000.000 euro;

-Realizzazione di un parcheggio coperto e di una piazza sul mare di 5500 mq., per un valore di 11.500. 000 euro, un progetto inserito nel Pist, per cui è stato chiesto un finanziamento regionale a copertura totale;

-Realizzazione di una funivia di collegamento tra il punto più basso del Parco, la Porta Erculea, e quello più alto, le terrazze del Belvedere, un investimento da 5.000.000 euro;

- Centro Servizi del Parco Termale per un valore di 3milioni di euro

-Realizzazione dei Giardini del Parco, investimento: 3milioni di euro.

-Recupero della Porta Erculea e di Piazza Duomo, che nel progetto individuano le Porte del Parco, per 1.500.000 di euro.

- Creazione di una mobilità interna al parco ecosostenibile, con il recupero delle storica strada della Serpentina, per un investimento di 1.500.000 euro

Nessun commento:

Posta un commento