lunedì 4 ottobre 2010

Idee per Palermo. Arte Contemporanea per le Strade di Favara







Favara è ancora oggi per molti un simbolo di degrado e rovina. Eppure qualcosa si sta muovendo e lo fa prepotentemente. Un piccolo quartiere è stato rilevato da alcuni esperti d'arte per farne una esperienza unica nel campo del mecenatismo dell'arte contemporanea. Il Cortile Bentivegna da piccolo ammasso di ruderi è stato ristrutturato, abbellito ed è diventato così il Farm Cultural Park, che rende famosa Favara anche per qualcosa di positivo e visitata, proprio per questo motivo, da un gran numero di turisti. Non solo celebre ma anche all'avanguardia (qui il link al loro sito)

Perchè non sperimentare qualcosa del genere anche a Palermo?

Invece di imbrattare i ruderi (vedi piazza Garraffello) o di renderli case popolari (un rallentamento al completo recupero del Centro Storico) perchè non riproporre qualcosa del genere? Non è impossibile (ricordo che ad esempio abbiamo proposto l'esperienza di Favara non di Londra o Berlino..) ci vorrebbe solo un po' di volontà.. Le location poi non mancano. Penserei ai vicoli più stretti (e quindi meno commerciali di Palermo) a margine dei mercati come la zona dei via delle Case Nuove all'Albergheria, di vicolo Appalto alla Vucciria o anche a un edificio come Palazzo Giallongo o degli stessi ruderi di Piazza Garraffello, con il disperato augurio che non diventino sede di case popolari.
Il Comune potrebbe impegnarsi al destinare alcune zone o edifici di sua proprietà a questo obiettivo. Potrebbero poi i privati pensare al resto (così come è accaduto a Favara).
Così Palermo potrebbe proporre qualcosa di innovativo, un intervento mirato con un forte impatto mediatico che potrebbe richiamare dei nuovi mecenati (ripeto, così come è accaduto a Favara), che ben si innesterebbe con il tessuto antico del Centro Storico.

2 commenti:

  1. Sarebbe fantastico anche nell'area dell'Olivella che è ormai solo un posto di pub chiassosi e trattorie dei due soldi.

    RispondiElimina
  2. In realtà c'è già stato, si chiamava "Il Genio di Palermo". Qualcuno se ne ricorda? Era una manifestazione bellissima, tutti gli studi degli artisti presenti in città aprivano per qualche giorno, ed erano visitabili, c'era una mappa, un catalogo, etc. Io l'ho vista nel 1999, nel 2001 e nel 2003.
    Tra l'altro alla fine veniva eletto un vincitore da una giuria composta dai curatori di grandi musei d'Europa, ed era un'ottima occasione per gli artisti di avere visibilità.

    RispondiElimina