mercoledì 8 luglio 2009

Asfalto o Balate?

Pubblico una mail che ho ricevuto pochi giorni fa... può essere una interessante occasione di confronto. In Centro Storico è giusto coprire tutto con l'asfalto? o è meglio lasciare le originarie balate a vista e così il pavè di alcuni vicoli e strade?:

'Salve a tutti!!! sono uno studente della facoltà lettere e filosofia di Palermo....intanto vorrei complimentarmi per il vostro lavoro e la vostra passione.. non nascondo che mi rincuora sapere che c'è a Palermo altra gente che, come me, ama la nostra città a tal punto; fino a qualche tempo fa non ci avrei giurato!! Ma sarò meno prolisso... vorrei portare alla vostra attenzione un dato che personalmente mi rattrista non poco: avrete sicuramente notato che dalle principali arterie storiche della nostra città (e mi riferisco soprattutto a via Roma, via Matteo Bonello, corso Alberto Amedeo, corso Tukory, via Francesco Crispi, etc.) è scomparsa la caratteristica pavimentazione a cubetti di porfido (il cosiddetto pavè per intenderci) per lasciare posto ad un anonimo e mortificate asfalto che col centro storico ha ben poco da spartire....(piccola parentesi: a quelli che dicono che l'asfalto è stato sostituito al porfido perché quest'ultimo scivoloso, io rispondo che: 1°la veridicità di tale affermazione è proprio il suo esatto contrario; 2° se così fosse,allora perché lo hanno lasciato nei tornanti della strada panoramica di monte pellegrino, forse per far sbandare meglio le auto!!?? e 3° fateci caso, in alcuni distributori di benzina è presente proprio per garantire un migliore arresto del veicolo, non certo per mera estetica, (è noto che i distributori di benzina non si distinguono per eleganza!!!)....Magari non sarò stato, come promesso, poco prolisso, e me ne scuso, però ritengo che il problema meriti un approfondimento.... e a chi parlare di queste cose se non a persone che come me Amano Palermo!? Ringraziandovi preventivamente per l'attenzione che sicuramente presterete a questi miei "sproloqui" vi saluto e vi invito a continuare sempre su questa strada, perché il futuro della nostra città siamo noi palermitani, soprattutto quelli che, sarò ripetitivo, Amano Palermo!'

12 commenti:

  1. Balate sicuramente! E non ci vorrebbe tanto perchè quasi sempre le antiche pietre si trivano proprio al di sotto dell'asfalto come in via Alloro doev si è creato un ridicolissimo effetto patchwork..

    RispondiElimina
  2. Il pavé, più conosciuto con il volgare "sanpietrino", è addirittura successivo alla pavimentazione originaria quindi anche quello, fuorchè nelle zone esterne al quartiere storico, è un elemento successivo e non originario. Al di fuori di questa premessa scontata, sì, senza dubbio meglio il pavé che l'asfalto ma al Comune oltre a non avere orecchie per recepire hanno pure le tasche bucate per cui questa discussione è destinata a rimanere fine a se stessa.

    RispondiElimina
  3. si il pavè risale agli anni 40 -50 tuttavia la sua elegnaza e furi discussiono...non so chi di voi ricorda come era via roma prima d'oggi...sicuramente molto più elegante inoltre l'accostamento pavè - basolato rende un ottimo effetto (cmq i sanpietrini sono altra cosa intanto perchè pietra lavica e poi perchè risalenti al '500)

    RispondiElimina
  4. in merito alle tasche bucate del comune: se non hanno i soldi per ripavimentare i manti stradali di porfido, allora perchè toglierlo dalle strade già così lastricate?!
    oltre tutto ho notato che a piazza meli e dintorni hanno risistemato la pavimentazione con basole nuove. Quindi sono d'accordo quando si parla di tasche bucate, ma secondo me è questione di cultura e di mancanza d'amore per la nostra città da parte dei politici che l'amministrano!

    RispondiElimina
  5. ultimissima cosa, sicuramente conoscete via mattarelle,quest'ultima è l'unica strada degna di nota rimasta con pavè a Palermo e sopra di essa passa il ponte di villa Trabia; secondo me è uno dei punti più suggestvi di Palermo! E se avrete il piacere di percorrerla vi accorgerete che non è vero che il pavè fa tutto questo rumore insopportabile...

    RispondiElimina
  6. E' da registrare invece l'intento del Comune di Palermo nel volere riportare alla luce la pavimentazione che fu. Oltre alla piazza Meli, diventata bellissima da non crederci, hanno iniziato a rilastricare anche via Materassai e così altre strade del centro storico.

    RispondiElimina
  7. secondo me sarebbero da rilastricare corso vittorio emanuele e via maqueda!

    RispondiElimina
  8. Balate, sicuramente.
    Ricordo in piazza politeama i binari dei tram incavati tra di esse: "gnuri.. pigghiassi scaffi-scaffi ca' me mugghieri s'annaca..."
    e poi risalterebbero anche i palazzi e negozi deturpati del cassero... no?

    RispondiElimina
  9. ragazzi (dico ragazzi perchè io ho 20 anni e non conosco la vostra età ;D) ma ci dobbiamo organizzare per una petizione che chieda fondamentalmente il ritorno del pavè in via roma e del basolato in via maqueda e corso vittorio emanuele???

    RispondiElimina
  10. secondo me sarebbe meglio tornare al basolato nelle stradine del centro storico. pavimentare a porfido o basole vie grandi e trafficate come via roma, corso vittorio ecc è antieconomico perchè il manto stradale andrebbe in contro ad usura molto più rapidamente (oggi ci sono un'infinità di macchine in più rispetto a 50 anni fa) e le maestranze per questo tipo di pavimentazione sono poche e costano caro. altro discorso invece per le straduzze (magari in futuro pedonali) del centro storico. in quel caso sono d'accordo anche io al ripristino del manto originale
    Andrea

    RispondiElimina
  11. balate, così chiudono il centro al traffico! non si può camminare sulle balate quando piove, si sciddica! così la gente non camminerà più in centro con la macchina per la paura di potere andare a sbattere!

    RispondiElimina
  12. infatti l'obiettivo è quello di non farci camminare le auto!

    RispondiElimina