sabato 2 maggio 2009

La Chiesa di Sant'Agostino a Palermo e il Suo Chiostro


Ogni tanto parlerò di chiese palermitane. Sono opere d'arte che spesso restano un po' troppo sconosciute, forse internet può aiutare a rendere consapevoli i più dei capolavori presenti a Palermo. Spero che questo possa essere un incentivo in più per andare a goderne di persona.. Qui di seguito, foto e testi della Chiesa di Sant'Agostino.

La chiesa di Sant'Agostino fu elevata al tempo degli Angioini, intorno al 1275, nel luogo dove sorgeva la cappella della famiglia Maida.
Al
Quattrocento risale lo splendido portale laterale attribuito a Giuliano Mancino e Bartolomeo Berrettaro, che denota un gusto fastoso caratterizzato da un’esuberante decorazione. Immagini di santi agostiniani sono incastonate all’interno di tondi circondati da elementi vegetali.
L’interno, a navata unica, è il risultato delle trasformazioni seicentesche.
Giacomo Serpotta, al quale si deve l’intervento decorativo (1711 e 1729) delle pareti spoglie, realizzò una fantastica macchina ornamentale in stucco con immagini allegoriche e santi.
Al lato settentrionale della chiesa è affiancato un
chiostro (1560), attribuito a Vincenzo Gagini. (Testo da Wikipedia)


il chiostro

il chiostro

2 commenti:

  1. Parrebbe un vero e proprio stile artistico "palermitano" tipico. Questa chiesa appare molto simile a quella del Sabato del messaggio precedente e che, adesso, immagino più facilmente con le note di colore dei quadri scomparsi.

    RispondiElimina
  2. Noto però più marmo in Sant'Agostino che nell'oratorio del Sabato ridondante viceversa solo di stucco e la differenza non è da poco.

    RispondiElimina