mercoledì 29 aprile 2009

Il Piano Casa del Re Martino, 600 anni fa, a Palermo

Il piano casa di cui si fa un gran parlare per adesso (e dal quale vengono esclusi i centro storico per fortuna almeno nel decreto del Governo) ha già avuto dei precursori a Palermo. Tra tutti, uno dei più curiosi è stato quello emanato dal re Martino nel 1421 nelle Pragmaticae Sanctiones. Curioso perchè fin troppo.. "audace". Infatti al fine di dare decoro e abbellimento a Palermo, che era una città già meravigliosa, il monarca emise delle norme che consentivano a coloro che avessero voluto ampliare la propria dimora di acquisire coattivamente case secondarie (appartenenti ad altri nuclei familiari) dietro un 'giusto prezzo' (o con una maggiorazione di un terzo rispetto al valore stimato) ma con poche possibilità di appello.. Una norma sicuramente poco democratica che però rese Palermo effettivamente ancora più bella..

Nessun commento:

Posta un commento