lunedì 16 marzo 2009

Nuova Vita per l'Area Quaroni





La proposta è adesso non più quella di vendere ma di ricostruire. La Curia non sarebbe più interessata alla cessione dell'area con il progetto di Ludovico Quaroni ma alla costruzione di un complesso polifunzionale seconso un progetto di rifacimento di tipo filologico (con tanto di ricostruzione della chiesa di Santa Croce con i pezzi salvati e asportati dopo il bombardamento, a quanto pare). L'area Quaroni è adesso oggetto di un dibattito tra chi ne vuole la ricostruzione e chi ne vuole fare un giardino (assecondo la proposta di mi chi chiedeva di fare un sondaggio e a lato ho provato a organizzarne uno). Sebbene la città abbia bisogno di parti verdi io sono sicuramente per la ricostruzione (anche la stessa cessione del progetto avrebbe comportato la ricostruzione. Il verde pubblico rimane un'ipotesi remota). Quanto più fedele, quanto più utilizzando i pezzi salvati. L'Area Quaroni, in via Maqueda, potrebbe diventare un centro di attrazione per quanto sarà previsto al suo interno (è previsto un edificio di tre piani più parti interrate). Sicuramente un falso storico ma un nuovo ed interessante modo di reinterpretare il Centro Storico con distaccamenti marginali dalla storia degli edifici. Del tutto certo anche che la stessa area non possa restare così oltremodo (sopra le immagini del caos dell'Area Quaroni così come è adesso dall'interno).

3 commenti:

  1. tranquillo78pa@libero.it17 marzo 2009 07:10

    Ieri sera ho fatto un giro nei ditorni di quest'area e devo dire che molti edifici sono stati restaurati e mi fa un piacere immenso.Il restauro sta migliorando tantissimo e si utilizzano colori molto chiari e molto belli copresi i balconi con le ringhiere in ferro e cosi'via.Certo ancora c'e'piu' della meta'di edifici da restaurare nel centro storico comunque un passo alla volta! Per quanto riguarda l'area in questione io avrei preferito un piccolo giardino pubblico magari con palme e piante esotiche illuminato da piccoli lampioncini antichi comunque nell'area che stanno per costruire c'e' una bellissima palma,spero la lascino!

    RispondiElimina
  2. Decisamente un giardino! L'assetto medievale di Palermo la rende asfissiante di edifici che sebbene siano bellissimi rendono uno spazio verde molto prezioso. La Curia non segua dei fini economici e faccia un regalo importante alla città!

    RispondiElimina
  3. Io, proprio per il contesto in cui ci troviamo e considerando anche il fatto che l'alta densità avrebbe grande giovamento da un'area di verde attrezzato o simile, sono per una ricostruzione del fronte su strada (in modo da non interrompere la linearità della strada storica di via Maqueda)con un edificio che però permetta di lasciare tutto il resto dell'area a verde (l'area è grande).
    Si può pensare ad un edifiio a ponte oppure ad un edificio pieno dal primo piano in poi e che abbia un porticato al Piano terra.
    Ma sul fatto che lì ci stia bene un'area pubblica che dia aria e luce, non ho dubbio.
    Lorenzo

    RispondiElimina