lunedì 23 febbraio 2009

“Lo Spirito del Tempo” Trova la Sua Dimora a Palazzo Riso

Il settecentesco Palazzo Riso, recentemente restituito alla città dopo anni di oblio, svela al suo pubblico una inconsueta attitudine all’allestimento di mostre d’arte contemporanea.
Le sue sale, ormai tristemente spoglie di quegli affreschi che un tempo dovevano ornarle, rinascono in una affascinante e suggestiva rielaborazione, essenziale e talvolta disadorna, che si presta, come le pagine bianche di un libro, alla stesura di messaggi e contenuti, veicolati esclusivamente dall’impatto visivo delle opere che qui sembrano trovare una naturale e inaspettata collocazione.
Lo spirito del tempo” è la mostra inaugurale di questa nuova realtà culturale, che volge lo sguardo agli ultimi quarant’anni della storia mondiale e siciliana, raccontati mediante un duplice percorso, storico e artistico, in cui lo sguardo si posa ora sulle cronologie, che rimembrano eventi non troppo lontani, ma non sempre vivi nella memoria, per poi cadere sulle opere che descrivono, con il loro singolare linguaggio fatto di colori, forme e contenuti talvolta ermetici, la compartecipazione dell’arte alla storia, mediante un articolato repertorio di opere provenienti da collezioni siciliane, che s’impongono, con la loro potenza comunicativa mite e violenta, imprevista e sorprendente, come chiavi di lettura sia passato che del presente.

orari
ore 10-20 da martedì a domenica
ore 10-22 giovedì e venerdì
chiuso lunedì tranne i festivi
ingresso
Intero € 5
Ridotto € 3 (gruppi minimo 15 persone e studenti universitari con documento)
informazioni e prenotazioni da martedì a venerdì ore 9-16
t+39 091.8431608 - f+39 091.8889838 -
segreteria@civitasicilia.it www.palazzoriso.it

22 febbraio 2009


immagini e testi di Tiziana Gagliardotto

4 commenti:

  1. L'esposizione è poco assortita e la giudico negativamente. Il migliore esempio, e opera d'arte contemporanea più riuscita della mostra, è però quel secondo piano post-atomico con gli arredi appesi per aria. Solo quello vale la mostra.

    RispondiElimina
  2. Negativo o no sono comunque queste cose cxhe fanno bene alla nostra amata città. Quindi l'apertura del palazzo Riso come museo di arte contemporanea è e resta un meritato successo per Palermo. E' forse un altro piccolo passo verso la civiltà che spero che la Sicilia raggiunga finalmente un giorno non troppo lontano.

    RispondiElimina
  3. è vero, nel caso particolare di riso, nn è necessario giudicare, ma è necessario guardare all'evento in se':il palazzo riso è diventata la nuova casa dell'arte contemporanea siciliana, e in sicilia.e spero veramente che il direttore del museo dedichi spazio alla promozione di artisti contemporanei di oggi e di ieri. è quello di cui la nostra città ha bisogno, un soffio di vita, attraverso l'arte!!!intato cominciate con una personale su croce- taravella!!e poi continuate con una mostra dedicata alla produzione artistica dei nostri anni sessanta!i miei genitori, di quella generazione, mi hanno fatto cnoscoere tantissimi artisti, che negli anni 60-70 ero attivissimi a palermo!!speriamo bene

    RispondiElimina
  4. Questo obelisco è semplicemente stupendo. Chi è l'autore?

    RispondiElimina