venerdì 23 gennaio 2009

Le Motivazioni del Report Sud sul Disastro Annunciato

Il Report Sud n.18 del Diste e della Fondazione Curella, straordinario evento di studio dell'economia del Sud Italia, è stato presentato pochi giorni fa e dipinge la situazione -e l'avvenire- del Meridione con tinte un po' cupi. Economia Sicilia, in un suo articolo, ne sintetizza i contenuti precisa:


'La disoccupazione resta alta nel meridione, alcuni settori produttivi risentono della crisi a livello mondiale, il turismo subisce una frenata. E' questa la fotografia scattata dalla Fondazione Curella e dal Diste, nel XVIII Report Sud presentato oggi a Palermo. Timide le speranze per il 2009. "Il Mezzogiorno sta sprofondando - sostiene Pietro Busetta, presidente della Fondazione Curella - al Paese questo non interessa e si parla di una supposta questione settentrionale tanto da dirottare le risorse previste per il Sud al Centro Nord.

Il dato positivo sulle esportazioni deve fare riflettere: ci dice, infatti, che il Mezzogiorno si può salvare solo contando sulle proprie forze". "Il quadro che emerge è che per il Mezzogiorno probabilmente ancora il peggio deve arrivare, considerato anche che - dice Alessandro La Monica presidente del Diste - gli andamenti ed i cicli economici che si registrano nelle regioni dell'area centro settentrionale, interessano il Mezzogiorno con un gap medio di circa un anno, per cui se l'economia italiana è entrata nella fase recessiva nella primavera del 2008 a cui è seguito un brusco peggioramento nel secondo semestre 2008, è prevedibile che il Mezzogiorno deve ancora vivere la fase acuta".



Qui l'articolo per intero

Nessun commento:

Posta un commento