venerdì 12 dicembre 2008

Le Intenzioni di Bob Leonardi

ASCA riporta un'intervista di EconomiaSicilia a Leonardi (capo della programmazione in Sicilia). Ottime intenzioni. Si tratterebbe di interventi, una volta tanto, veramente 'strutturali' e quindi di investimenti non a pioggia ma per opere permanenti. Speriamo bene..
''Attualmente nel Por sono disponibili 1,2 miliardi per le infrastrutture ma noi pensiamo di incrementare questa spesa per le opere, per mettere a punto la parte logistica siciliana. La nostra idea e' che la Sicilia deve essere la base logistica mediterranea in grado di intercettare tutti i flussi che passano per l'oceano Indiano, Pacifico, il Mediterraneo e il mare del Nord''. Questo l'obiettivo di Robert Leonardi, professore della London School of Economics e direttore dell'Esoc Lab e chiamato dal presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, a gestire la programmazione dei fondi strutturali, in un'intervista rilasciata al sito economiasicilia.it.Per fare della Sicilia una base logistica, Leonardi chiede il coinvolgimento di tutti e spiega che ''una volta che c'e' questa piattaforma sara' possibile non solo esportare i prodotti siciliani industriali e dell'agroalimentare, ma anche consentire l'ingresso di prodotti che entrano nel Mediterraneo e in Europa dall'Asia. A quel punto sara' piu' facile per la Sicilia attrarre nuovi investimenti e diventare base di produzione per capitali esteri. La mia convinzione - puntualizza - e' che gli investitori ci sono, ma richiedono certe condizioni, fra cui una base infrastrutturale, perche' deve essere facile per loro entrare ed uscire dalla Sicilia.Per questo ci stiamo coordinando con tutte le forze in campo per rendere fattibile tutto cio'. Finora - sottolinea - si e' pensato alla logistica siciliana per motivi sociali e di agricoltura, intesa come strade per l'accesso interno, ma non si e' mai pensato di consentire che ci fossero anche dei canali per uscire''.Leonardi, soffermandosi sulle opere infrastrutturali, parla anche del ponte sullo Stretto di Messina e lo indica come ''base di questo percorso, ma prima che arriva noi dobbiamo essere pronti, avere strade, autostrade e binari. Il costo del Ponte e' al di sopra delle nostre disponibilita', non e' stato inserito nel Por. Noi - conclude -faremo delle modifiche ai programmi perche' le strade e autostrade siano pensate in funzione del Ponte''.

2 commenti:

  1. e come si suol dire tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare..

    RispondiElimina
  2. Bob è sceso dalla spocchiosa londra fin qui in sicilia per raccontarci cose meravigliose... strade, ponti, sviluppo..
    ste cose noi siculi le conosciamo a memoria, quanto ai fatti basta guardare la realtà: Il Presidente è Raffaele Lombardo. Dunque, aspettiamoci anche stavolta brodo di fuffa!
    Non vado oltre.

    RispondiElimina