lunedì 22 dicembre 2008

Il Restauro della Casina alla Cinese


Non potevo non parlarne. Finalmente sono terminati i restauri della Palazzina Cinese. Un martire del degrado e della trascuratezza al pari forse del Teatro Massimo. Dopo la chiusura ultraventennale riapre infatti la Casina alla Cinese e torna ad essere visitabile. Qui una breve descrizione tratta dal sito www.casinacinesepalermo.it (da dove sono tratte anche le immagini degli ambienti restaurati):
La casina nella Piana dei Colli scelta da FerdinandoI di Borbone è infatti quella appartenuta al baroneBenedetto Lombardo della Scala, descritta incostruzione da Léon Dufourny nel suo diario palermitanoil 21 ottobre 1790, in occasione della visitache egli vi compie con l’amico Giuseppe VenanzioMarvuglia …da don Benedetto Lombardo ai colli condon Giuseppe Marvuglia. Egli vi sta costruendo perquest’avvocato una villetta cosidetta cinese.La casina alla fine del Settecento rappresentata nellagauache su cartoncino senza data del pittore PietroMartorana appare in muratura con ballatoilignei in due ordini, con ringhiere dipinte di rossoe coperta da tetti a padiglione, tre per lato di coloregiallo e due centrali più alti di colore verde.Nel 1799 Giuseppe Riggio principe di Aci, delegatodi re Ferdinando, richiesta la concessione della casenadei Lombardo a nome di Sua Maestà, incarical’architetto regio Giuseppe Venanzio Marvuglia divalutare la fabbrica al fine di stabilire il giusto censoannuale; la descrizione contenuta nella perizia diconsistenza indica la struttura primaria in muratura,la distribuzione interna organizzata con spazi di rappresentanzaal centro ed ambienti privati laterali, giàin larga parte definiti anche nella decorazione pittorica;le scale esterne e le balconate, in legname dicastagna....adornate alla Chinese, e la copertura conn°8 copertizzi a padiglione di stile chinese con cappelloin cima, e bandiera, mattonati li due più alti di mattonistagnati..; la descrizione coincide con la rappresentazioneiconografica di Martorana.
La Casina fu eretta come luogo di sollazzo dei reali Ferdinando di Borbone e Maria Carolina, in fuga da Napoli per la rivoluzione in corso. Oggi riapre dopo 23 anni di chiusura. E' uno dei massimi e più originali orgogli cittadini.
qui i dettagli per la visita:
Durata mostra: 21/12/2008 - 18/01/2009
orari: 9,30 - 15,30Informazioni:091.7071666 / 328.00113356
visite guidate gruppi a numero limitato, per prenotazioni:3466314359 (dalle 14,30 alle 16,00)3936942222 (dalle 16,30 alle 18,00) (tre appuntamenti al giorno)

1 commento:

  1. L'ho visitata. E' stupefacente sono queste le opere che rendono Palermo veramente la città più bella del mondo. Il mondo dovrebbe saperlo ci vuole più pubblicità. Da oggi ne sono ancora più orgogliosa.

    RispondiElimina