giovedì 18 dicembre 2008

I Tesori della Loggia Visitabili Durante le Ferie

A dire il vero lo sono sempre (visitabili). Però è bene fare pubblicità a qualcosa che molti palermitani conoscono poco. Le visite sono comunque un po' più allettanti perchè saranno guidate e a tariffe agevolate. Di seguito il Comunicato Stampa del Comune di Palermo:

Sei gioielli architettonici in pieno centro storico, vicinissimi tra loro e ricchi d'arte e di storia, saranno aperti ogni mattina - dal 19 dicembre al 10 gennaio 2009 -, con visite guidate e tariffe agevolate, in un'area libera dalle auto. Si tratta degli oratori di San Lorenzo, del Rosario in San Domenico e del Rosario in Santa Cita e le chiese di San Giorgio dei Genovesi, di Santa Cita e di Santa Maria in Valverde.È questo il primo itinerario di visita - dal titolo I tesori della Loggia - nel Distretto culturale di Palermo, elaborato da Vincenzo Abbate, promosso dall'Amministrazione comunale insieme al Centro San Mamiliano e a Civita Sicilia, con il sostegno della Fondazione Cariplo, nell'obiettivo di innescare un processo di valorizzazione delle risorse culturali capace anche di ricadute positive di carattere economico e sociale.L'iniziativa sarà presentata domani, venerdì 19, alle ore 10, nella sala convegni della Civica Galleria d'arte moderna, all'interno del complesso di Sant'Anna la Misericordia (nell'omonima piazza). Interverranno il sindaco Diego Cammarata; il vicesindaco e assessore all'Urbanistica, Mario Milone; l'assessore alla Cultura, Giampiero Cannella; l'assessore al Centro storico, Raoul Russo; l'assessore al Traffico, Mario Tinervia; la direttrice della Civica Galleria, Antonella Purpura; e il direttore della Biblioteca comunale, Filippo Guttuso. I contenuti del Distretto culturale di Palermo, saranno illustrati da Vincenzo Abbate, con l'ausilio anche di un video e di una guida da lui stesso curata.Subito dopo verrà effettuato l'itinerario attraverso i sei monumenti. La prima visita guidata aperta al pubblico si svolgerà venerdì 19 a partire dalle 17 dal Museo di Sant'Anna, su prenotazione (tel. 091 8431605).

Nessun commento:

Posta un commento