venerdì 17 ottobre 2008

Bordate di Fuoco su Il Giornale Riguardo all'Amministrazione Comunale Orlando

Credo che sicuramente qualcosa abbia a che fare con la nomina del Garante Rai che vede opposti i due schieramenti proprio sul nome di Orlando..
Comunque il Giornale attacca Orlando e la sua amministrazione del Comune di Palermo in modo veemente e trova la causa di molti dei mali della città proprio nell'operato del sindaco Orlando. Tanto per capire il tenore dell'articolo, questo di seguito è solo uno stralcio:

Orlando ha sempre amato una retorica dai toni infiammati. Solo che il sindaco non si ferma alle parole. No, blocca i pagamenti per i lavori fatti nell’ultimo decennio. Ad occhio e croce opere per 50 miliardi di lire, 25 milioni di euro. Il pretesto cui attaccarsi è un’inchiesta per false fatturazioni che parte da alcuni fornitori dei Cassina e arriva a coinvolgere i vertici del gruppo. Orlando ipotizza che alcuni lavori non siano mai stati compiuti, anche se sono stati certificati dagli ingegneri del Comune che non verranno mai indagati. Misteri italiani.Il primo cittadino, che oggi vorrebbe vigilare sul pluralismo dei palinsesti, compie una scelta azzardata che alla lunga si rivelerà disastrosa: di fatto piazza una bomba a orologeria sotto la poltrona del suo attuale successore, Diego Cammarata.

qui l'articolo per intero

5 commenti:

  1. mi chiedo come si può mai incaricare presidente della commissione parlamentare di vigilanza un signore che lanciava anatemi come "il sospetto è l'anticamera del giudizio" ricoprendo la carica di sindaco di Palermo e che ci lascia qualche altro debito giudiziale solo per dei capricci e beghe personali. Le bordate di fuoco io le darei direttamente a lui!!

    Antonio G.

    RispondiElimina
  2. Orlando è stata la salvezza di questa città che era destinata a sprofondare a partire dai quartieri storici. Per cercare le cause della rovina di Palermo io guarderei un poco più a destra fermandomi un po' più al centro.. Il giornale, espressione partitica, fa la sua parte faziosa. Ditemi voi se questo è giornalismo.

    LB

    RispondiElimina
  3. sei sicuro che il sospetto è l'anticamera del giudizio? io ricordo piuttosto il sospetto è l'anticamera della verità. Controlla meglio la prossima volta ;)

    RispondiElimina
  4. La famiglia Cassina rappresentava parte della maggiore economia di Palermo. Sono caduti vittima di chi attraverso il potere ottenuto "democraticamente" si è ampiamente fatto i fatti suoi anteponendo i propri fatti personali al bene pubblico. Leggete pure: sopprafacendo il bersaglio di turno. Ed infatti la famiglia Cassina è SCOMPARSA. Non si sente più parlare di lui. Orlando anche dove ha fatto del bene l'ha ftto con doppi fini. E' la persona più inopportuna per ricoprire un ruolo di garanzia come quello a cui ambisce. Povera Palermo e povera Italia. Ma Lu

    RispondiElimina
  5. Il Prof.Orlando e la sua Giunta sono l'unica cosa appena decente in ambito amministrativo che questa disgraziata città ha avuto negli ultimi 60 anni. Chi non ha il coraggio morale di ammetterlo non è degno di proferire qualsivoglia giudizio su chicchessia...

    RispondiElimina