lunedì 21 luglio 2008

Oggi a Pranzo da Di Martino..

Credo sia questo l'unico modo, nel mio piccolo, per sostenere chi denucia i suoi estortori.

Da Repubblica di oggi:
Denuncia i suoi estortori, ma subisce un nuovo attentato incendiario. Gli uomini del racket hanno piazzato una Fiat Uno, risultata rubata, sopra la pedana del noto pub Di Martino, nella centralissima via Liberta' di Palermo, e hanno appiccato il fuoco. Le fiamme hanno danneggiato la saracinesca del locale e annerito il prospetto dell'edificio, danneggiando anche alcuni condizionatori e l'impianto elettrico. Un gesto eclatante, il secondo in due mesi, che, secondo fonti giudiziarie, sembra collegato proprio alla decisione del titolare del pub di denunciare i suoi aguzzini. Il commerciante avrebbe fatto dichiarazioni il 28 maggio, spiegando di essere stanco di subire le richieste estorsive che si rinnovano almeno dal 1995, indipendentemente da chi vi sia a capo delle cosche. Una pressione costante che non ha piu' inteso sopportare e che ha voluto spontaneamente denunciare. Due mesi fa sulle pedane del locale era stata cosparsa della benzina, appiccando poi il fuoco che danneggio' seriamente alcuni arredi. Sull'episodio indaga la Squadra mobile coordinata dai pm Maurizio De Lucia, Roberta Buzzolani e Francesco Del Bene.

Complimenti alla fantasia dei soldati del racket.. Con la speranza che questa gente vada ad esercitare presto la propria creatività in galera e non ne esca più credo proprio che oggi me ne andrò a mangiare da Di Martino.. il panino avrà un gusto diverso, sicuramente migliore..

Nessun commento:

Posta un commento