domenica 18 maggio 2008

La Metropolitana a Palermo.

Piccoli passi. Piccoli e lenti ma anche necessari e, almeno, passi in avanti per avere la metropolitana a Palermo. Per adesso la Giunta ha varato il progetto per la metropolitana leggera. Adesso si aspetta tutto il resto. Speriamo che non tardi ad arrivare.

Dal Comune di Palermo:

Sei chilometri e mezzo di linea sotterranea, nove stazioni, una capacità di trasporto pari a 17 milioni di passeggeri all'anno, 832 milioni di euro d'investimento e 5 anni di lavori.Con un provvedimento approvato ieri pomeriggio, la Giunta comunale ha varato il progetto del primo stralcio della metropolitana leggera automatica di Palermo, quello che riguarda il tratto da via Oreto alla stazione Notarbartolo.La stesura degli elaborati progettuali, circa 500 in tutto, è stata finanziata dallo Stato nel 2004 ed eseguita, poi, con un apposito appalto da oltre 6 milioni di euro che il Comune ha assegnato al raggruppamento temporaneo d'imprese composto da Systra (Roma), Ingegneria Y Economia del Transporte (Ineco - Madrid), Lombardi Italia Ingegneri Consulenti, Dominique Perrault e Technital.Come base per la progettazione è stato utilizzato uno studio di fattibilità che l'Amministrazione comunale aveva precedentemente acquisito dalla Provincia regionale. La Provincia, insieme con la Regione Siciliana, partecipa alla realizzazione della metropolitana di Palermo in virtù di un protocollo d'intesa siglato dai tre enti nel 2004. L'accordo ha anche dato vita a uno specifico osservatorio per la verifica delle varie fasi tecniche e procedurali.

In vista del finanziamento, il progetto preliminare del primo stralcio della metropolitana sarà subito trasmesso al Consiglio comunale, che ha il compito di pronunciarsi sulla variante urbanistica, e al Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) per il nullaosta. Questi passaggi rientrano nell'iter previsto dalla "legge obiettivo" del 2001 (la numero 443) con cui lo Stato ha finanziato la progettazione. Intanto, Regione e Provincia formalizzeranno la presa d'atto del progetto già espressa nell'ambito dell'osservatorio. Poi sarà bandita la gara per l'appalto-concorso con cui affidare, in unica soluzione, l'approfondimento degli elaborati con i dettagli per la cantierizzazione (progettazione esecutiva) e i lavori.La procedura è coordinata dall'ufficio comunale costituito ad hoc per il completamento delle opere che il sindaco Cammarata ha avviato come commissario delegato dal Governo nazionale per l'emergenza traffico ("Ufficio Completamento Interventi ex O.P.C.M. 3255/02")

La linea si svilupperà in sotterranea a una profondità media di 20 metri e avrà una capacità di trasporto pari a 17 milioni di passeggeri all'anno. Il tempo di percorrenza dallo svincolo Oreto alla stazione Notarbartolo sarà di quasi 12 minuti. Si utilizzeranno 11 treni e il servizio si baserà sulla frequenza delle corse (fino ad una ogni 2 minuti) più che sulle dimensioni dei convogli. Ciascun veicolo potrà trasportare circa 150 passeggeri in condizioni normali, ma con la possibilità di arrivare fino a 210 nei momenti di maggiore affollamento. La velocità di punta dei convogli sarà di circa 80 chilometri orari, quella commerciale di 30 chilometri all'ora.In base al quadro economico del progetto, il budget complessivo necessario per realizzare questo primo stralcio è di oltre 832 milioni di euro: 642 milioni come importo a base d'asta per i lavori più quasi 190 milioni destinati a spese e oneri vari. La durata prevista dei lavori è di 5 anni.Quando, poi, si progetterà e si realizzerà il restante tratto della metropolitana, fino a Tommaso Natale-Partanna Mondello, la metropolitana raggiungerà un'estensione complessiva di quasi 18 chilometri.I vantaggi della metro leggera. La metropolitana leggera automatica di Palermo viaggerà su gomma anziché su rotaia e si caratterizzerà, quindi, per uno scorrimento silenzioso, con bassa trasmissione di vibrazioni al terreno e all'ambiente urbano circostanti. Questa peculiarità andrà a vantaggio anche degli utenti della metropolitana sotto il profilo del comfort.

Nessun commento:

Posta un commento