lunedì 25 febbraio 2008

Confronto tra Anna Finocchiaro e Raffaele Lombardo. Le Ragioni della Legalità e della Autonomia per la Regione Siciliana.

Quello che scrivo è una vera e propria apertura al dibattito politico per confrontare le posizioni dei due candidati alla presidenza della Regione. Da un punto di vista personale, ovviamente.

Il nome di Anna Finocchiaro è un nome nuovo nel recente panorama della politica locale. Una figura facilmente giudicabile limpida ed impeccabile. Il suo orizzonte politico tuttavia posa su basi contingenti alquanto deboli. Mi riferisco a quanto ha fatto il governo Prodi sia da un punto di crescita sociale che –soprattutto per quello che ci riguarda- di progresso della nostra regione. I pochi fondi stanziati sono stati dirottati altrove. La programmazione non è mai stata resa esecutiva. E anche la programmazione stessa era spesso lacunosa. Sembra facile dire che il governo precedente in fondo non abbia fatto un granché per la Sicilia. Anzi.

Peraltro la campagna elettorale in Sicilia del PD è improntata nuovamente e quasi esclusivamente sulla legalità. Una tematica sicuramente necessaria per la Sicilia ma non so quanto sia opportuna se resa quasi solitaria. Non vedo altre proposte interessanti per la crescita strutturale ed economica della Sicilia. Il partito di Veltroni basa la ricerca di consenso su slogan che –a parte il fascino delle parole- hanno ben poca sostanza. Va bene voltare pagina, va bene cambiare le dinamiche della politica clientelare e del sistema improntato alla stagnazione ma proponete qualcosa di concreto. Comunque la campagna elettorale è stata appena aperta e magari qualcosa di più interessante verrà prodotto in futuro.

Piuttosto interessante mi sembra invece la posizione di Raffaele Lombardo. Avevo già anticipato il mio pensiero a riguardo in un altro post. Lombardo è a capo di un movimento che prende spunto dalle ragioni autonomistiche che hanno fatto sempre capo ai migliori valori siciliani. In fondo siamo un’isola –e secondo me, nel senso più positivo- non solo geograficamente parlando..

La fame di autonomia è la scossa che può dare un segnale di visibilità maggiore a chi tende a centralizzare interessi e progresso da Roma in su. In fondo anche un movimento apparentemente da fumetto, senza aspirazioni sensate come poteva sembrare la Lega Nord ha ricevuto un consenso consistente (viste le premesse) e l’ha saputo mettere a reddito con la creazione di alcune condizioni di vantaggio per il Settentrione. Si parla addirittura spesso di una ‘Questione Settentrionale’… No comment.

La Sicilia ha bisogno di parlare di autonomia per riuscire a ricucire uno strappo con il proprio passato storico (ben più glorioso di quello attuale) e restituire un meritato ruolo di maggiore rilievo alla Sicilia. Bisogna parlare di autonomia e bisogna farlo sempre più frequentemente.

Peraltro, la figura politica di Raffaele Lombardo proviene da un consenso diffuso nella Provincia di Catania che -a sentir dire- è soddisfatta del suo operato. Per la Regione ha dei programmi che giudico molto interessanti principalmente da un punto di vista economico (crescita e fiscalità di vantaggio) che potrebbero creare veramente le condizioni di una inversione di rotta in Sicilia. La sua dialettica è inoltre vivace e convincente (sicuramente così nello scontro con Miccichè). Alcuni esponenti del suo movimento in giunta regionale hanno portato risultati soddisfacenti.

Raffaele Lombardo è –per quello che mi riguarda e nel momento storico in cui ci troviamo- il candidato più opportuno per la Presidenza della Regione Siciliana.


Uniche piccole critiche –o meglio suggerimenti personali- che però non pregiudicano quanto sopra:

1) L’autonomia resti fondata sul localismo e non approdi oltre lo stretto. Che il movimento di Lombardo resti un movimento regionale.

2) Così pure il Ponte sullo Stretto è una idea –a mio parere- da abbandonare. Parlare di autonomia ed attaccarsi ancora di più al resto di Italia sembra innescare un contrasto manifesto. Va bene la carica simbolica del Ponte (che il resto di Italia non ci dimentichi..) ma è vero anche il contrario (che il resto di Italia continui a dimenticarsi di noi quelle risorse le spendiamo in infrastrutture interne).

3 ed ultimo) Peccato che Lombardo non sia di Palermo. Speriamo che da presidente non metta la città in secondo piano..

10 commenti:

  1. non so quanto si possa sacrificare la legalità per l'autonomia. Sono d'accordo con l'autore che la Sicilia abbia bisogno di una scossa e non so quanto Lombardo e Finocchiaro siano in grado di darla.. la scossa dovrebbe essere veramente forte..

    RispondiElimina
  2. Da quello che ho potuto capire nel leggere altri tuoi articoli, il tuo nome dovrebbe essere "Gabriella", sbaglio?

    Comunque, ti volevo chiedere s'e potevi fare un articole sulla situazione in generale di Palermo. Come per esempio: le speranze e i umori personali della gente, nella odierna situazione (per esempio: lavoro, case, prospettive e' cosi di seguito), e' magari ci potevi aggiungere qualche foto in piu' come: Piazza Bellini, il teatro Massimo, via Liberta', il Porto e cosi via.

    Ci manco da tanto tempo che non ricordo piu' di come si vive e si pensa, nella mia cara citta'. Mi farebbe tanto piacere s'e lo facesse.

    Thanks,
    Red.eVolution
    http://mywindowintheworld.blogspot.com/

    RispondiElimina
  3. Fuoco.. non Gabriella ma Gabriele.

    Prossimamente pubblicherò altre foto e testi su Palermo. Mi viene facile :)

    Per quello che riguarda la situazione attuale ne farò cenno anche altre volte visto che si tratta di una elezione 'strategica' per il futuro della Sicilia..

    RispondiElimina
  4. Ops, my mistake sorry about it.
    Gabriele, grazie per la tua gentilezza. Mi raccomando ci tengo tanto. Fai vedere delle belle fotos,
    che mi possano far ricordare della mia Palermo come e'.

    Grazie mille.
    Red.eVolution.

    RispondiElimina
  5. L'unica soluzione al cambiamento è fare fuori il sistema creato da cuffaro e che cia ha portati al disastro. Secondo me non cambierà nulla, come al solito.

    RispondiElimina
  6. Anna Finocchiaro rappresenta la soluzione degli annosi problemi siciliani. Oltre ad essere un paladino dei principi basati su legalit, uguaglianza e correttezza porta avanti un programma con dei punti dettagliati. Lombardo fa solo paura perchè sembra rappresentare troppo facilmente la continuità con cuffaro.

    RispondiElimina
  7. ma come si può pensare che l'autonomia sia una proposta vincente. Fa parte della cultura mafiosa pensare a questa soluzione che da quelle parti è stata proposta piu volte. Lombardo è una vecchia volpe e ha proposto l'autonomismo senza crederci minimamente, per convenienza. Viene dalla stessa scuola di Cuffaro, e non è altro che una riproposizione della stessa politica.

    RispondiElimina
  8. Alla faccia di tutta la gente che si professa di sinistra. Alla faccia di tutti quelli che sentono il richiamo di principi e che non hanno la voglia del fare. Lombardo ha vinto e adesso governiamo noi. Condivido che proprio Lombardo ha innescato il cambiamento e che il cambiamento è dietro l'angolo. Complimenti a chi ha scritto l'articolo ma soprattutto complimenti all'MPA di tutti i siciliani!!!

    RispondiElimina
  9. "Adesso è veramente tutto finito"antonio Caponnetto.ma forse l'italia si merita solo e unicamente quello che ha votato.E come disse berlusconi nelle precedenti elezioni:"Siete un popolo di coglioni!!".

    RispondiElimina
  10. Reazione da puro fair play.. si perde e si ammette di avere sbagliato tutto? no, per niente. Si continua a vivere di preconcetti. E' molto più facile dare del coglione a chi non la pensa come voi. Cioè al 65% dei siciliani. Non solo questo ma che c'entra scomodare addirittura Caponnetto che si riferiva a tutt'altro quando disse quella frase? complimenti sempre a tutti

    RispondiElimina