martedì 22 gennaio 2008

Ultime dal Banco. Non c'è più Conflitto tra Unicredit e Management Regionale

Due ore di confronto «sereno». Tanto è servito a Paolo Fiorentino, deputy ceo di UniCredit, e Salvatore Mancuso, presidente del Banco di Sicilia, per chiudere lo scontro sul Bds. Due ore che hanno permesso di mettere a punto l'accordo che ha ridisegnato il nuovo assetto di vertice del Banco ma, come recita una nota di Piazza Cordusio, «nel rispetto della valorizzazione delle risorse locali». Le novità interne al board dell'istituto siciliano verranno definitivamente approvate in occasione del consiglio di amministrazione del Bds convocato per domani, mercoledì 23 gennaio, dopo che oggi il cda di UniCredit ne avrà preso atto. L'intesa prevede che il consiglio del Banco recepisca le dimissioni dell'amministratore delegato Beniamino Anselmi, e quindi coopti Roberto Bertola nel board come nuovo a.d.. Mancuso, ritenendo conclusa la propria missione, ha quindi messo a disposizione il mandato con circa due mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale, il prossimo 31 marzo. La carica di presidente verrà assunta da Roberto Nicastro, deputy ceo di UniCredit e già vicepresidente del Banco di Sicilia. Quanto a Giuseppe Lopes, nominato da Mancuso direttore generale del Bds nel cda del 9 gennaio scorso, darà le dimissioni per diventare direttore generale di Uca, una delle società di UniCredit della divisione retail che si occupa di distribuire prodotti assicurativi. Il nuovo direttore generale del Banco, invece, non è stato ancora individuato ma verrà selezionato tra le professionalità del Bds. Non a caso UniCredit ha tenuto a sottolineare «l'impegno, in linea con le strategie e i principi del gruppo, a valorizzare le risorse interne del Banco di Sicilia sia nella banca che nell'ambito delle società». Peraltro, Fondazione Bds e Regione Sicilia continueranno a esprimere quattro consiglieri nel cda del Banco. E' stata poi confermata «l'istituzione di un Osservatorio socio-economico che possa supportare in termini di analisi e ricerche lo sviluppo dell'economia siciliana». E rispetto a ciò Piazza Cordusio ha ribadito «la grande attenzione che attraverso il Banco di Sicilia intende riservare alle imprese che sono la base dell'economia» locale. In questo modo, «la banca sarà così sempre più al servizio della crescita dell'Isola e solidamente inserita in un gruppo bancario internazionale presente in 23 Paesi».

Fonte -Il Sole 24 Ore- 22.01.2008

Nessun commento:

Posta un commento