domenica 27 gennaio 2008

Il Dopo-Cuffaro. Raffaele Lombardo.

Riporto parte di un articolo de La Repubblica. Articolo che condivido e credo abbia già individuato il successore naturale di Cuffaro.

La Sicilia ha già il suo erede. E' un altro Totò Cuffaro, uno nuovo al posto di quello vecchio. E' il successore naturale, quello giusto per prendere in mano un'isola di voti e di favori, quello più fidato per fare l'amministratore delegato di "quell'azienda" che dà posti e incarichi e consulenze ad almeno trecentomila siciliani. E che controlla 5 deputati e 3 senatori, 18 parlamentari regionali, 80 sindaci, 97 assessori comunali e 288 consiglieri, 21 assessori provinciali e 39 consiglieri. L'erede si chiama Raffaele Lombardo. È già una potenza nell'altra Sicilia - quella orientale - comanda tanto e da oggi comanderà ancora di più. Probabilmente sarà il nuovo governatore, sicuramente diventerà anche il nuovo "padrone" di quell'impero politico e di clientele che è stato manovrato da Totò Cuffaro per sette lunghi anni. Era là fermo al palo Raffaele Lombardo da Grammichele provincia di Catania, era da mesi e mesi che aspettava quella sentenza per mafia o non per mafia questo vecchio amico di Totò che con Totò ha stretto un patto di ferro. Adesso si prenderà tutto. La poltrona di governatore e anche il resto. È un erede per forza Raffaele Lombardo. Per storia personale. Per somiglianza e militanza. Per quell'inconfondibile stile di gestire il potere. È destinato a regnare nei prossimi mesi e nei prossimi anni in quelli che sono stati i "territori" di Totò fin dai tempi della loro gloriosa Dc, quella che allora superava il 44 per cento e in alcune province anche il 50. Vengono tutti e due da là Cuffaro e Lombardo, il primo che farà 50 anni a febbraio e l'altro 58 ad ottobre, tutti e due fedelissimi dell'ex ministro Calogero "Lillo" Mannino, il grande vecchio della Dc siciliana, il loro maestro, il loro prezioso consigliere ancora negli ultimi difficili mesi con un governatore in bilico e un altro in pectore. Tutti e due ex della scuola dai Salesiani, tutti e due medici. Il primo, Totò Cuffaro, l'ultima volta che si è candidato ha preso più di un milione e 300mila voti da solo: il 18 per cento in Sicilia, che è tre volte tanto di quanto ha l'Udc nel resto d'Italia. L'altro, Raffaele Lombardo, con il suo Mpa (il Movimento per l'Autonomia) ha il 13 per cento nell'isola e quasi il 20 a Catania dove è anche presidente della Provincia. Fra i due c'è sempre stata un'antica intesa. E c'è ancora.


Viste le ultime formalizzazioni ed avvenimenti, aggiungo invece un mio post 'di aggiornamento'

Quello che scrivo è una vera e propria apertura al dibattito politico per confrontare le posizioni dei due candidati alla presidenza della Regione. Da un punto di vista personale, ovviamente.Il nome di Anna Finocchiaro è un nome nuovo nel recente panorama della politica locale. Una figura facilmente giudicabile limpida ed impeccabile. Il suo orizzonte politico tuttavia posa su basi contingenti alquanto deboli. Mi riferisco a quanto ha fatto il governo Prodi sia da un punto di crescita sociale che –soprattutto per quello che ci riguarda- di progresso della nostra regione. I pochi fondi stanziati sono stati dirottati altrove. La programmazione non è mai stata resa esecutiva. E anche la programmazione stessa era spesso lacunosa. Sembra facile dire che il governo precedente in fondo non abbia fatto un granché per la Sicilia. Anzi.Peraltro la campagna elettorale in Sicilia del PD è improntata nuovamente e quasi esclusivamente sulla legalità. Una tematica sicuramente necessaria per la Sicilia ma non so quanto sia opportuna se resa quasi solitaria. Non vedo altre proposte interessanti per la crescita strutturale ed economica della Sicilia. Il partito di Veltroni basa la ricerca di consenso su slogan che –a parte il fascino delle parole- hanno ben poca sostanza. Va bene voltare pagina, va bene cambiare le dinamiche della politica clientelare e del sistema improntato alla stagnazione ma proponete qualcosa di concreto. Comunque la campagna elettorale è stata appena aperta e magari qualcosa di più interessante verrà prodotto in futuro.Piuttosto interessante mi sembra invece la posizione di Raffaele Lombardo. Avevo già anticipato il mio pensiero a riguardo in un altro post. Lombardo è a capo di un movimento che prende spunto dalle ragioni autonomistiche che hanno fatto sempre capo ai migliori valori siciliani. In fondo siamo un’isola –e secondo me, nel senso più positivo- non solo geograficamente parlando..La fame di autonomia è la scossa che può dare un segnale di visibilità maggiore a chi tende a centralizzare interessi e progresso da Roma in su. In fondo anche un movimento apparentemente da fumetto, senza aspirazioni sensate come poteva sembrare la Lega Nord ha ricevuto un consenso consistente (viste le premesse) e l’ha saputo mettere a reddito con la creazione di alcune condizioni di vantaggio per il Settentrione. Si parla addirittura spesso di una ‘Questione Settentrionale’… No comment.La Sicilia ha bisogno di parlare di autonomia per riuscire a ricucire uno strappo con il proprio passato storico (ben più glorioso di quello attuale) e restituire un meritato ruolo di maggiore rilievo alla Sicilia. Bisogna parlare di autonomia e bisogna farlo sempre più frequentemente.Peraltro, la figura politica di Raffaele Lombardo proviene da un consenso diffuso nella Provincia di Catania che -a sentir dire- è soddisfatta del suo operato. Per la Regione ha dei programmi che giudico molto interessanti principalmente da un punto di vista economico (crescita e fiscalità di vantaggio) che potrebbero creare veramente le condizioni di una inversione di rotta in Sicilia. La sua dialettica è inoltre vivace e convincente (sicuramente così nello scontro con Miccichè). Alcuni esponenti del suo movimento in giunta regionale hanno portato risultati soddisfacenti.Raffaele Lombardo è –per quello che mi riguarda e nel momento storico in cui ci troviamo- il candidato più opportuno per la Presidenza della Regione Siciliana.Uniche piccole critiche –o meglio suggerimenti personali- che però non pregiudicano quanto sopra:1) L’autonomia resti fondata sul localismo e non approdi oltre lo stretto. Che il movimento di Lombardo resti un movimento regionale.2) Così pure il Ponte sullo Stretto è una idea –a mio parere- da abbandonare. Parlare di autonomia ed attaccarsi ancora di più al resto di Italia sembra innescare un contrasto manifesto. Va bene la carica simbolica del Ponte (che il resto di Italia non ci dimentichi..) ma è vero anche il contrario (che il resto di Italia continui a dimenticarsi di noi quelle risorse le spendiamo in infrastrutture interne).3 ed ultimo) Peccato che Lombardo non sia di Palermo. Speriamo che da presidente non metta la città in secondo piano..

17 commenti:

  1. complimenti bellissimo articolo avete davvero ragione condivido pienamente dall'inizio alla fine!!!!!continuiamo cosi mandiamoli a casa!!!!!!bastardi!!!la sicilia nn si merita questo!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. questa terra non cambierà mai, dopo l'erede di Cuffaro ci sarà l'erede di Lombardo e così via fino all'infinito. E' davvero molto triste osservare in quali forme si manifesta la democrazia in Sicilia, ed è ancor piu triste pensare che il cambiamento è lontano anni luce. Se mai ci possa essere cambiamento.
    Complimenti per l'articolo e complimenti ai Siciliani che nell'urna entrano con i paraocchi, come i somari che non sono altro

    RispondiElimina
  3. Non credo che le resto d'italia vada poi meglio. La politica 'da professionisti' è davanti gli occhi di tutti e tutti continuano a votare chi si trova in Parlamento da decenni. Si parla di rinnovamento e svolta epocale e chi ne parla è deputato da vent'anni. Si parla di fare rialzare l'Italia e chi lo dice è in parlamento, pure lui, dagli anni novanta. Da vittime del sistema elettorale (questa sì che è quasi una espressione implicita della dittatura.. altro che democrazia) non abbiamo scelta. O da una parte o dall'altra. L'alternativa a Lombardo è la Finocchiaro? Be' non vedo all'orizzonte delle ipotesi di radicali cambiamenti. La sua elezione può essere un segnale forte. Un segnale di rinovamento. Ma quest'isola non ha più bisogno di segnali ma di azioni. Ed in fondo l'agire della Finocchiaro mi sembra che sia stato espresso solo nei ranghi del partito e non sul campo. Almeno Lombardo è stato più operativo ed a Catania possono testimoniarlo. Parlo di fatti e non di persone. Ho delle preferenze sì ma non ho delle vere e proprie convinzioni su un candidato o su un altro. Ma in questo modo possiamo scegliere solo uno dei due. Il cambiamento comunque arriverà dai siciliani. Magari lentamente ma arriverà. E già qualcosa si vede, basta aprire un po' più gli occhi..

    RispondiElimina
  4. Gabriele condivido in pieno ciò che dici. Sul serio ed in tutto e per tutto. Spero che un giorno ci possa essere un candidato alla presidenza che la pensi come te perchè l'unico modo per riuscire ad uscire dal buco nero e quello di dare responsabilità a persone che amino davvero questa terra. Complimenti per il blog su Palermo.

    RispondiElimina
  5. Davvero senza parole, e tu pretendi di parlare di politica avallando il ''fare'' di un uomo che per dare il posto di lavoro (come si da la ghianda ai porci) a dieci ne fotte 100 e ne educa altri mille alla sua infinita arroganza politica, sempre pronta alle collusioni e al malaffare.
    Apri ed aprite la mente ragazzi....
    No Lombardo!

    RispondiElimina
  6. Lombardo for president!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. MPA di Lombardo e il movimento piu innovativo che la sicilia abbia mai avuto. Basta farci governare dai potenti e sfruttatori del nord che depredano la nostra terra. Ora grazie a Lombardo anche noi abbiamo un partito siciliano a Roma che può far valere i diritti di un popolo che da troppo tempo e stato usato e umiliato dai colonizatori del nord.

    RispondiElimina
  8. La Sicilia è una conferma. Viva Lombardo e tutti i Siciliani!!!!

    RispondiElimina
  9. l'autonomia è la ragione politica di una vittoria scontata. lombardo e l'mpa sono una fortuna per la sicilia anche per il quadro politico nazionale. lombardo non è un punto di arrivo ma uno dei migliori punti di partenza per la rivincita della sicilia.

    RispondiElimina
  10. 7 anni di Cuffaro in Sicilia non hanno dato nulla! Il malaffare e lo sfruttamento dell’isola hanno continuato ad’imperversare. Non vedo con Lombardo cosa possa cambiare, presentandosi come il suo prolungamento politico vestito da autonomista. Povera terra martoriata ed’adorata.

    RispondiElimina
  11. seeeeeeeee allora era meglio la Finocchiaro?? legalità! legalità e manco una lira per mangiare??? Tanti beiu principi ma solo fumo per la povera gente che non riesce manco a mangiare!!!!

    RispondiElimina
  12. http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2008/ElezioniPolitiche/documenti/sicilia-irlanda-intervista-lombardo.shtml?uuid=04cd5b12-0c4e-11dd-97f7-00000e251029&DocRulesView=Libero

    giusto per farsi un'idea REALE su Lombardo..

    RispondiElimina
  13. mi piace il tuo articolo. Anche io ho votato Lombardo e ne sono soddisfatto. Sono sicuro che si vedranno presto i primi risultati.

    RispondiElimina
  14. La questione meridionale è una cosa seria. Spero che Raffaele Lombardo ne sia consapevole e che sappia 'maneggiarla con cura'. Apprezzo il tono di quanto hai scritto ma dubito che il cambiamento possa essere così dietro l'angolo.

    RispondiElimina
  15. Sonia Alfano: Trovati riscontri archivio Lombardo

    Sonia Alfano, leader del movimento politico Amici di Beppe Grillo, che nei giorni scorsi ha indetto una conferenza per informare stampa e cittadini su un file trovato in rete contenente centinaia di raccomandazioni e segnalazioni, ha affermato: "Domattina presenterò un esposto alla Procura della Repubblica di Palermo con il quale chiederò formalmente che si indaghi e si cerchino riscontri sui nomi, le segnalazioni ed i concorsi ai quali si fa riferimento nel file trovato in rete che organi di stampa hanno ricondotto alla segreteria politica di Raffaele Lombardo. Ho infatti personalmente riscontrato che una delle persone segnalate nel file per un concorso ospedaliero si è poi di fatto aggiudicata la vittoria del concorso. Chiederò dunque agli organi competenti di far luce su questo episodio e sulle altre centinaia di segnalazioni, nomi, riferimenti, concorsi e appalti contenuti nel file".

    Inserita il 13/05/2008 alle 15:27:32
    Commento inserito da: vivienna.it, 14 Mag 2008, 22:45

    RispondiElimina
  16. Carissimo Anonimo, somaro ci sarai tu! Io ho votato Lombardo e me ne vanto!!! W Lombardo e w la Sicilia!!

    RispondiElimina
  17. più vedo come agisce Lombardo e più lo rivoterei. A casa tutte le sanguisughe della sanità!!

    RispondiElimina