venerdì 7 dicembre 2007

Rovina e Rinascita della Città: Resurrectio, Un Motivo Interessante..

Il tema è allettante, è un modo per riproporre in chiave artisticagli ultimi 60 anni della città:

Resurrectio, ovvero la rinascita dopo la catastrofe. Questo il titolo e il senso della mostra, promossa dal Comune e organizzata dalla società Terzo Millennio, che verrà inaugurata dall'assessore alla Cultura, Mario Milone, domani, domenica 9, alle ore 18 nell'ex Deposito delle locomotive di Sant'Erasmo (via Messina Marine 90).
La mostra consiste in una grande videoinstallazione di Enzo Venezia, con le musiche di Marco Betta, che occuperà l'intero spazio dell'ex Deposito. Sarà composta da diciotto schermi situati su altrettanti parallelepipedi posti a terra, ciascuno alto 30 centimetri e di dimensioni 3 metri per 4. I video, tutti diversi l'uno dall'altro, avranno in comune i temi della dissoluzione e della rinascita. Essi proietteranno in contemporanea paesaggi elettronici di macerie e frammenti di Palermo, come testimonianza della devastazione di un recente passato che adesso festeggia la rinascita.

Disseminati fra gli schermi, poi, dei grandi cubi riporteranno, come scolpiti, brani della Bibbia e di Sant'Agostino, oltre a frammenti di scritture di celebri autori sui temi dell'apocalisse e della resurrezione, tra i quali lo scrittore Antonio Pizzuto, il poeta Lucio Piccolo, i filosofi Andrea Emo, Maria Zambrano, Carlo Michelstaeder e Sergio Quinzio.Il tutto potrà essere colto da una suggestiva visione dall'alto, grazie ad una passerella posta a sette metri d'altezza, da dove i visitatori potranno osservare l'installazione come una sorta di parco archeologico devastato.

Sono previste sperimentazioni musicali e sonore ma anche proiezioni cinematografiche.

Resurrectio sarà visitabile fino al 6 gennaio, con i seguenti orari: martedì, mercoledì e giovedì dalle 10 alle 18; venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 23; lunedì chiuso. Il biglietto d'ingresso costa 5 euro. (fonte: Comune di Palermo)

Nessun commento:

Posta un commento