domenica 18 novembre 2007

Un Bel Biglietto da Visita: l'Autostrada per Punta Raisi...

Ed ancora una volta ci risiamo. Già si sapeva come andava a finire e peggio non poteva andare. La scelta di mettere le solite bandiere allacciate ai lampioni dell'autostrada per Punta Raisi si è sempre rivelata un disastro ed infatti ci sono ricascati ancora una volta. Già precedentemente, emulando la Roma - Fiumicino, i lampioni erano stati addobbati con bandiere raffiguranti lo stemma della Regione Siciliana e il segno distintivo dell'ANAS. Non facendo poi i conti con il vento.. ed infatti: le bandiere diventano sorte di vele e i laccetti deboli cedono. Così si assisteva ad un vivace segnale comparativo, quasi satirico, con specifico riferimento alla situazione della nostra Regione che affannosamente e lacunosamente amministra l'isola. E così: una bandiera si e due no, ecc.

Adesso dall'ironia si è passato ad uno scenario apocalittico, i lacci più stretti e robusti. Le bandiere invece un po' più debolucce.. ed ecco che chi viene a Palermo si trova all'istante avvolto da una scenografia degna di Fuga da New York di Carpenter. Tutte sfilacciate, tessuti a brandelli come fossero le bandiere americane bucate dai proiettili della Guerra di Secessione e conservate in qualche museo di storia patria come cimeli. Noi invece le attacchiamo direttamente ai lampioni e così caldamente salutiamo chi arriva a Palermo per la prima volta o, meglio, diamo un degno arrivederci a chi parte per tornare a casa.

Ancora più deprimente che nessuno muova un dito per toglierle. Tanto la natura provvederà per conto suo in qualche mese. Quindi perchè darsi disturbo?

Credo che questa possa essere una carta da giocare per promuovere la nostra terra nei confronti delle produzioni cinematografiche americane. Perchè andare a girare negli Studios? Il prossimo Terminator potrebbe essere facilmente girato nella scenografia naturale che fornisce l'ANAS.

P.S. e a proposito: sfido chiunque a dire cosa fosse raffigurato sulle bandiere. Disegni confusi, scritte piccole ed inappropriate. Erano disegni di bambini. Per carità, gesto nobile ma completamente inadatto ed approssimativo.

P.P.S. ed ancora. Sfido chiunque a pronosticare l'attivazione dei lampioni. Lì da mesi -forse già un anno?- e sempre spenti. Forse non sono destinati ad illuminare l'autostrada ma a reggere la prossima imbarcata di bandierine..

3 commenti:

  1. e come non commentare la copertura mancante dell'area arrivi, ormai da anni??

    RispondiElimina
  2. Non ne parliamo. Almeno non adesso.. la gestione aeroportuale meriterebbe un capitolo a parte nonostante i bei propositi. Qualche progresso � stato fatto ma per molti versi risultano ancora un po' troppo 'distratti'..

    RispondiElimina
  3. Prima Fiorentino, poi il Banco di Sicilia, adesso un’altro imprenditore storico abbandona l’aeroporto di Punta Raisi. Randazzo presente in tutta Italia lascia a fine febbraio lo stand in aeroporto. Perchè questa fuga?

    RispondiElimina