lunedì 5 novembre 2007

Salvatore Lo Piccolo in Manette.


Da Repubblica.it
Alle 9.30 è scattato il blitz. "Sono stati momenti di grande trepidazione - racconta Gaetano Paci - abbiamo seguito ogni attimo dell'azione in diretta, dalla Procura. I ricercati si sono presto accorti di essere circondati. Hanno cercato rifugio in un magazzino. Si sono barricati dentro. Ma non avevano vie d'uscita. I poliziotti hanno sparato alcuni colpi in aria. Alla fine, dopo qualche interminabile minuto, i latitanti si sono arresi. Sono usciti con lo sguardo fiero. Sandro ha urlato: "Papà ti amo". Lo ha proprio urlato, perché tutti sentissero. Sandro Lo Piccolo, che ha trent'anni ed è già condannato all'ergastolo, era già un capo riconosciuto dell'organizzazione".
Le indagini sui Lo Piccolo proseguono soprattutto sul versante finanziario. Proprio qualche giorno fa, i magistrati di Palermo erano andati in Svizzera, doveva avevano sequestrato il conto da due milioni di euro di un insospettabile imprenditore della grande distribuzione, Paolo Sgroi, patron della catena Sisa. "Adesso - dicono i magistrati del pool Lo Piccolo - il nostro obiettivo è scoprire il tesoro dei nuovi padrini di Cosa nostra, che è la vera forza economica di una mafia ormai trasformata, anche grazie alle alleanza che Salvatore Lo Piccolo aveva già consolidato con i mafiosi americani".

Nessun commento:

Posta un commento