martedì 20 novembre 2007

I Colori del Monte di Pietà


Originariamente si trattava di vera e propria architettura industriale. Qui si fabbricavano i panni da cui il nome del quartiere 'Panneria'.








Edificio interessante per i tratti non tanto decorativi quanto piuttosto funzionali rispetto alla sua destinazione. Le grandi arcate in alto avevano infatti un motivo ben preciso: erano tante e così ampie per.. fare asciugare i panni stesi. La piazza stessa è ampia probabilmente per il continuo carico e scarico di materiali. Solo 40 anni dopo la sua costruzione, nel 1591 questo palazzo possente diviene Monte dei Pegni. Vista la mole è facile capire come anche in quei tempi qualche famiglia palermitana già versava in crisi finanziaria. Le aggiunte successive risalgono al 1600 (l'orologio) e al 1700 (il vasto portale neoclassico). Oggi l'edificio, sede di un istituto bancario, è stato restaurato e restituito a nuova luce. I colori molto chiari restituiscono tonalità proprie del cielo e la riproposizione di colori più forti avviene attraverso la creazione di effetti di finto marmo.
Guardando a sinistra un'edicoletta tradisce però una strana concentrazione di una infinità di colori. Che gran parte del prospetto fosse originariamente così?

Nessun commento:

Posta un commento