lunedì 29 ottobre 2007

Scendono i Ponteggi in Piazza Sant'Onofrio.

Piazza sempre più straordinaria.. anche per i palazzi che prospettano ma soprattutto per la completezza imminente del suo recupero. Piazza Sant'Onofrio è stata un cantiere, adesso lo è di meno ma questo perchè finalmente i lavori di recupero terminano e si riscopre la bellezza di un contesto uniforme nell'essere tornato a nuova luce.


-la piazza sempre più spoglia di ponteggi-

Sopra al ristorante Margò si tolgono i ponteggi e si sta riscoprendo un altro palazzo dopo i lavori di recupero e consolidamento e la piazza se ne arricchisce e primeggia sempre più tra le piazze più 'recuperate' del Centro Storico. Il colore stesso delle facciate illuminate dai lampioni anticheggianti propone ancora un ulteriore fascino -forse particolare dei tempi più antichi- . Una piazza che rivive anche per le attività che vi insistono. Due ristoranti ed un bar almeno (tra l'altro mi incuriosisce il ristorante Ferro, sembra particolarmente accattivante nei suoi ambienti interni.. credo che andrò a provarlo presto..) la fanno presentano come una delle piazze appartenenti a centri storici italiani sicuramente più emancipati (ma il recupero dei tempi da parte nostra è solo questione di tempo..). Da qualche parte leggevo pure che era intenzione dell'Amministrazione Comunale risistemare il centro della Piazza Sant'Onofrio con due fontane. E sarebbe proprio il caso che il Comune si attivi in questo senso. Il privato può pensare al prospetto dei palazzi o alle attività commerciali ma il Comune deve pensare ad abbellire fattivamente il resto della piazza. Almeno per disciplinare il parcheggio ingombrante che trabocca in ogni lato della piazza.

E' una piazza interessante anche per i suoi tratti biografici. Nasce sul letto del Papireto e divenne la Bocceria nuova (la Vucciria vecchia come si sa si trovava più giù oltre la odierna via Roma). Nasce su un fiume ed un fiume è tornata ad essere non tanto tempo fa. Infatti fu completamente allagata durante l'alluvione del 1931.

Nessun commento:

Posta un commento